RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- AGOSTO 2017 -
HOME - Puglia - Luoghi - Polignano “Laggiù dove si sente il mare”
Luoghi
Polignano
“Laggiù dove si sente il mare”
Il magico paese con le case incastonate nella scogliera ha dato i natali al re della canzone italiana, Domenico Modugno. Un borgo antico incantevole e ricco di storia. E scogliere taglienti, un mare blu profondo e il verde degli ulivi di Lino Patruno
CONDIVIDI Facebook Twitter

Un magnifico scorcio di Polignano (Bari). Foto Archivio Fotogramma

       Troppo bella Polignano per non sbizzarrire i suoi cantori. Il viaggiatore francese Charles Didier, 1834, vi vide “il mare più bello del mondo”. Per il tedesco Widman (1903), “viene fuori dalle Mille e una notte”. E del resto, Domenico Modugno, che di qui era, sognava che “se Dio vorrà, ritornerò laggiù nel mio paese dove si sente il mare” nelle case. E se la Puglia è la terra dove la natura è colore, Polignano è bianca abbagliante dei muri di calce, tra profondo blu delle onde e verde di quei patriarchi che sono gli ulivi. Ma rossa è la terra della sua fertile campagna. E gialla di un sole che solo da queste parti si può.

      Più che sulla sua alta scogliera dal vertiginoso equilibrio, Polignano sembra sospesa sulla trasparenza della sua aria come tutti i posti dell’anima. Bisogna girare per le sue stradine. Bisogna appollaiarsi sulle terrazze mentre sotto le acque tonfano e “biancheggiano sulla scogliera”. Qui aleggia un senso di infinito da rimanerne sfiniti. Per questo Polignano è una sorta di lebbrosario dello spirito. E non per niente qui ogni anno volano gli aquiloni in una nota sagra, come un volo sospeso nella nebbia della salsedine.

      A Polignano del resto non voleva tornare solo Modugno. Questa è gens con una cultura e una concezione di vita da “piccola patria”. E benché tante piccole Little Polignano si costituiscano nelle tante rotte dell’emigrazione, il pensiero fisso è sempre uno: tornare dove tanti se ne sono visti andarsene in tante albe lontane.

      Ma Polignano è anche storia e un centro storico, chiese e archeologia, masserie e alberghi, gastronomia e tradizioni, curiosità e proverbi. Un pezzo unico da cogliere con le sensazioni più che con la cartina, da filtrare col sogno più che con la ragione, da percorrere con la fantasia più che con i passi. Un po’ sulle nuvole è con la sua altezza, e sullo strapiombo occhieggiano le finestre. E le sue cale taglienti come lame sono fiordi per gabbiani e pescatori. E bisogna venire a Polignano per imparare a stare, davanti a questo mare, in silenzio.

      Ma Polignano è anche carne viva, piccola capitale del turismo. Dalla stupenda abbazia di San Vito all’arco marchesale del borgo medievale, dove sfilano Palazzo San Giuseppe con i concerti e le mostre d’arte, e la chiesa del Purgatorio, il Palazzo del Governatore e quello del Feudatario. E poi la piazzetta principale che si apre all’improvviso con l’orologio dagli antichi rintocchi, e la galleria intitolata a quel Pino Pascali artista d’avanguardia, morto in gioventù ed entrato nel mito. Come nel mito è la grotta Palazzese della quale l’abate di Saint Non ad inizio ’800 scrisse: “Fummo stupiti dalla limpidezza dell’acqua, mentre i riflessi misteriosi arricchiscono i colori che la natura le ha regalato da sempre”. Ma già citata nell’Encyclopédie di Denis Diderot e Jean-Baptiste D’Alabert e immortalata dal pittore francese Louis-Jean Desprez.

      Ma non da meno sono le tante altre grotte e caverne che il vento e le acque hanno scavato nelle complicità dei millenni. E al di là delle grotte, nel mare, ecco lo scoglio di Sant’Antonio, dalla cappella che nel 1837 fu trasformata in lazzaretto per il colera. Ora a circonfonderlo di mistica è una croce in ferro che i missionari vi piantarono nel 1901. Ma ancor più mistico è l‘altro nome, Isola dell’Eremita, che gli viene dato e che somiglia tanto a Polignano, da sempre rifugio di raminghi innamorati del creato.

DOVE: Polignano a Mare (BA)

Google maps

Altri articoli
Luoghi   Salento Tra Jonio e Adriatico Luoghi   Intorno a Bari Visioni di piccole, bellissime città Luoghi   Meraviglioso Salento Viaggio nel colore Luoghi   Basilica di Santa Caterina d’Alessandria L’incomparabile tesoro di Galatina Luoghi   Giovinazzo Un castello sul mare Luoghi   Meraviglioso Salento Il mare Luoghi   Tra le rose di Villa Larocca Viaggio nella bellezza a Bari Luoghi   Il Parco delle Cave, a Lecce Luoghi   Martina Franca Piccola capitale del bello Luoghi   Barletta Crocevia di storia e cultura Luoghi   La Grande Bellezza del faro di Leuca Luoghi   Puglia, trionfo di luce e colori Luoghi   Conversano Tra storia… e ciliegie Luoghi   Bianco Puglia Luoghi   Il mare Luoghi   Cavallino Centro di cultura e spettacoli Luoghi   Turi Ricordando quel borgo e quella grotta di Sant’Oronzo… Luoghi   Supersano Ai piedi della Serra, tra ulivi e icone bizantine Luoghi   Carlantino, piccola e preziosa Luoghi   Gallipoli La bella e il mare Luoghi   Puglia d’inverno Luoghi   Taranto Il fascino della storia Luoghi   Peschici, “terrazza meravigliosa” Luoghi   Cavallino I mille volti della storia Luoghi   Lecce, il barocco dell’anima Luoghi   Vieste Dove la natura sfolgorante fa sognare un’estate eterna Luoghi   Castel del Monte I mille enigmi del capolavoro di Federico II Luoghi   Marittima La magia di un luogo dove il tempo si è fermato Luoghi   Isole Tremiti Un abbaglio della natura Luoghi   Ostuni L’incantevole “città bianca” Luoghi   Mattinata Natura, storia e tradizione nel chiarore mediterraneo Luoghi   Molfetta Città marinara Luoghi   Putignano La regina del Carnevale Luoghi   Altamura Leonessa di Puglia Luoghi   Massafra Il fascino di quel castello arroccato sulla collina Luoghi   Trani L’incantevole “Atene delle Puglie” Luoghi   Alberobello Atmosfera da fiaba nel paese dei trulli Luoghi   Bari La Parigi del Mediterraneo