RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- OTTOBRE 2017 -
HOME - Puglia - Luoghi - Alberobello Atmosfera da fiaba nel paese dei trulli
Luoghi
Alberobello
Atmosfera da fiaba nel paese dei trulli
Sono stati dichiarati dall’UNESCO “patrimonio dell’umanità”.
Freschi d’estate e caldi d’inverno sono il miracolo di un’architettura semplice e geniale
di Lino Patruno
CONDIVIDI Facebook Twitter

Alberobello. I caratteristici trulli. Foto Archivio Fotogramma

      E all’improvviso nella Valle d’Itria ecco spuntare case di fiaba. “Mi sveglio e vedo un paese di sogno, come se dormissi tuttavia, scrisse incantato Gabriele D’Annunzio davanti ai trulli di Alberobello. E lo storico dell’arte Cesare Brandi li immaginò come gonfi “seni puntuti protesi al cielo, “grande accampamento calcareo festoso come un girotondo di bimbi. Un paesaggio figlio “di un Andersen mediterraneo per lo scrittore pugliese Giuseppe Cassieri, “con quei birilli che contrabbandano case. E “tende pietrificate per l’altro scrittore pugliese Aldo Bello. Eccoli, “adagiati come ninnoli di bambole tra giardini e vigneti esclama il saggista Livio Guidotti. E per il giornalista e scrittore Paolo Monelli “damigiane parevano, un enorme deposito di damigiane di questo vino di Puglia così fervido e generoso. Mentre infine lo sguardo del viaggiatore ottocentesco francese Berteaux incontra “bizzarri chioschi costruiti fra gli alberi: tronchi di cono, spettri di un’epoca dimenticata.

       Eppure mai tanta casualità fece nascere il patrimonio dell’umanità dei trulli, un bene definito unico e irripetibile dall’Unesco e come tale protetto. Pare che si debba tutto a un tipaccio come Giangirolamo Acquaviva d’Aragona, conte di Conversano detto il Guercio. Il quale, volendo andare a caccia e affrancarsi dalla corte di Napoli, impose ai suoi sudditi di costruire abitazioni che all’occorrenza potessero subito essere “sgarrate in caso di controllo per non pagare tasse. Quindi pietre a secco con assoluto divieto di malta. Anni fra 1400 e 1500.

       Senza volerlo fu un miracolo. I trulli sono un sortilegio dell’architettura, soluzione povera e geniale con quella pietra un tempo straripante e senza prezzo. Lamine poggiate a mensola una sull’altra, in cerchi sempre più stretti fino all’imbuto finale. Un capolavoro della statica. Con una camera ad aria che si forma fra una chianca e l’altra ad assorbire gli sbalzi di temperatura e a mantenerla costante. Così i trulli, freschi d’estate e caldi d’inverno, sono il primo esempio di coibentazione naturale. E la cosiddetta “passività della struttura è in grado di assorbire anche le scosse più violente di terremoto. Si racconta che le raffiche di un ciclone gli girarono attorno dissolvendosi in un ululo di rabbia.

       Nulla è oggi più ricercato in Puglia da un turismo sempre più votato alla semplicità e alla genuinità della natura. Ma nulla è più minacciato dalla speculazione, dalla scomparsa dei trullari, dal diradarsi della pietra calcarea, dall’incultura spiccia e consumistica. Un mondo irreale e dolce come una carezza, un simbolo della spiritualità del “tempo lento”, di un tempo da conservare. Tanta ingenua struggente perfezione da sfiorare la trascendenza.

       Il trullo era una dimora autosufficiente per la vita e il lavoro degli uomini e degli animali. Con uno schema quasi irridente nella ripartizione interna degli spazi che poco ha da invidiare alle più ricercate soluzioni dei moderni arredatori. E quei misteriosi simboli sui coni sono una lode al Signore o una invocazione di protezione rivolta al Sole. I trulli di Alberobello e della Valle d’Itria come recesso di silenzio e di bellezza, una “Venezia della pietra a gloria eterna della Puglia.

DOVE: Alberobello (Bari)

Google maps

Altri articoli
Luoghi   Capràrica di Lecce Atmosfere del Salento di un tempo Luoghi   Salento Tra Jonio e Adriatico Luoghi   Intorno a Bari Visioni di piccole, bellissime città Luoghi   Meraviglioso Salento Viaggio nel colore Luoghi   Basilica di Santa Caterina d’Alessandria L’incomparabile tesoro di Galatina Luoghi   Giovinazzo Un castello sul mare Luoghi   Meraviglioso Salento Il mare Luoghi   Tra le rose di Villa Larocca Viaggio nella bellezza a Bari Luoghi   Il Parco delle Cave, a Lecce Luoghi   Martina Franca Piccola capitale del bello Luoghi   Barletta Crocevia di storia e cultura Luoghi   La Grande Bellezza del faro di Leuca Luoghi   Puglia, trionfo di luce e colori Luoghi   Conversano Tra storia… e ciliegie Luoghi   Bianco Puglia Luoghi   Il mare Luoghi   Cavallino Centro di cultura e spettacoli Luoghi   Turi Ricordando quel borgo e quella grotta di Sant’Oronzo… Luoghi   Supersano Ai piedi della Serra, tra ulivi e icone bizantine Luoghi   Carlantino, piccola e preziosa Luoghi   Gallipoli La bella e il mare Luoghi   Puglia d’inverno Luoghi   Taranto Il fascino della storia Luoghi   Peschici, “terrazza meravigliosa” Luoghi   Cavallino I mille volti della storia Luoghi   Lecce, il barocco dell’anima Luoghi   Vieste Dove la natura sfolgorante fa sognare un’estate eterna Luoghi   Castel del Monte I mille enigmi del capolavoro di Federico II Luoghi   Marittima La magia di un luogo dove il tempo si è fermato Luoghi   Isole Tremiti Un abbaglio della natura Luoghi   Ostuni L’incantevole “città bianca” Luoghi   Mattinata Natura, storia e tradizione nel chiarore mediterraneo Luoghi   Molfetta Città marinara Luoghi   Putignano La regina del Carnevale Luoghi   Altamura Leonessa di Puglia Luoghi   Polignano “Laggiù dove si sente il mare” Luoghi   Massafra Il fascino di quel castello arroccato sulla collina Luoghi   Trani L’incantevole “Atene delle Puglie” Luoghi   Bari La Parigi del Mediterraneo